venerdì 22 giugno 2012

15 Aprile 1993

L'antica stirpe persiana che incontra la razza europea.
Pelo di colore nero e bianco, soffice e folto.
Suggestioni fulve accoglievano la bella stagione.
Due occhioni critici verso il mondo, l'insoddisfazione nei confronti dei servitori...
Ma non mi è mai riuscito a catturarne l'anima con la camera oscura.


È stata una inseparabile compagna di studio.
Cercava l'indipendenza e la compagnia umana. Le piaceva essere al centro dell'attenzione e le riusciva benissimo, con i suoi miagolii acuti e la sua capacità di intrufolarsi nel campo visivo altrui.
Davvero, avreste dovuto sentirla, come miagolava!
Diciannove anni insieme.
Sono cresciuto, in diciannove anni, più di quanto avrei sperato. Passare così tanto tempo in compagnia di un animale è qualcosa che ti segna.
La mia micia faceva ormai da tempo parte della famiglia.

E questo pomeriggio è mancata.
Non so dire cosa provi in questo momento. Tristezza. Una sensazione di vuoto. Domani sarà la prima volta che non la sentirò appena sveglio.
Non dovrò più difendere la mia colazione da narici indiscrete.
Non avrò più il suo pelo morbido da scombinare nei momenti di sconforto.
Mi ha dato davvero tanto. Spero, almeno in questo, di essere stato all'altezza.


Le parole non sono facili da trovare. Scorrere le fotografie che ho raccolto negli anni mi fa salire un nodo alla gola, che non potete immaginare.
O forse sì.
Lasciatemi nella presunzione di essere il solo a provare dolore, solo per oggi.

Lei si chiamava Mina. Non in onore nella cantante, solo un diminutivo di origine non meglio precisata. Avrei voluto impormi e darle un nome più altisonante, ma alla fine vinsero mia madre e la forza dell'abitudine.


La verità e che comincio già a sentirmi molto solo.

Buonanotte, micia.
Ti ricorderò sempre con gratitudine e affetto.

15 commenti:

  1. Fa male. Ci sono passata già due volte.
    Aveva diciannove anni. Sicuramente grazie a voi ha potuto vivere una vita lunga e bella.
    Adesso è il momento di piangere, ma tra qualche tempo il dolore sfumerà nel ricordo e sono sicura che la ricorderete sempre con affetto.

    RispondiElimina
  2. Non possiamo dire niente di sensato ora che ti serva.
    Solo, capisco come ti senti,dopo 17 anni di amicizia pelosa ho perso il mio migliore amico.
    Un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  3. Ti abbraccio.
    In vita ho perso dei compagni pelosi anche io, so quello che si prova.La realtà è che i nostri piccoli amici ci danno tanto, più di quello che ci chiedono, ci insegnano ad essere migliori. Io dico scherzando che avere un animale è come avere un figlio che non crescerà mai; in realtà però siamo noi che diventiamo bambini grazie a loro. E questo è il regalo più bello di tutti.
    Un grosso abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace molto, so quanto sia forte il legame che si può creare. Ti mando un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti. Ero così emozionato che ho pure sbagliato data!
    Il 15 aprile è la sua data di nascita. :'

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace tantissimo. Era davvero una bella miciona... non so proprio che dire .___.

    RispondiElimina
  7. Anch'io so come ti senti, purtroppo.

    La sola cosa che mi sento di dirti è: non ascoltare chi ti dice di non piangere, non ascoltare chi ti dice che era "solo" un gatto. Forse tu sei fortunato e non conosci gente del genere, ma l'incomprensione della persone non fa altro che rendere più dolorosi certi drammatici momenti. Un gatto, come ogni animale domestico, può diventare parte di noi. Poi, non so se lo pensi anche tu, ma gli amici umani spesso deludono, quelli pelosi no. A volte ne combinano qualcuna delle loro, ma non si vendono mai a logiche "io ti do se tu mi dai" e simili. Sono onesti e danno a noi più di quanto noi mai sapremo dar loro.
    Dunque piangi e sfogati fino a non poterne più e tieni vivo il suo ricordo, solo in questo modo, in un angolo del tuo cuore, continuerà a vivere per sempre.

    Un abbraccio elettronico a distanza in questo triste momento.

    RispondiElimina
  8. Conosco benissimo quello che provi... Ti sono vicino col cuore, non credo di poter dire altro...
    Un bacio a Mina...

    RispondiElimina
  9. Capisco cosa provi. E' un momento terribile. Adesso non ti rimane che una profonda sensazione di vuoto. Vorrei tanto dirti che col tempo il dolore sarà meno difficile da affrontare, ma so che sono queste le parole di cui hai bisogno. Hai bisgono di piangere? Piangi senza vergogna.
    Io ho perso di recente il mio Elvis, so cosa significa. Ci ho scritto un post in quei giorni (anzi due post: questo e ,qualche giorno dopo, questo).
    Ho pianto ininterrottamente mentre scrivevo ed anche oggi, a distanza di 6 mesi, non riesco a trattenere le lacrime quando rileggo le mie stesse parole, scritte di getto in uno dei momenti, senza esagerare, piu' terribili della mia vita.
    I gatti sono capaci di dare tanto amore, senza chiedere in cambio poco o nulla. Io e il mio Elvis vivevamo in simbiosi. Mi si infilava sotto le coperte, mi saliva in braccio quando ero a tavola, qando ero sul divano, perfino sul water mi ero abituato ad averlo sulle ginocchia. Ed ora mi sembra che mi manchi un braccio, una parte di me che non potrò più avere. Non ti conosco, caro Xeno, (ci followiamo solo da pochi giorni) ma non ti nego un forte abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te. Ho letto i tuoi post e sono molto commoventi. Il modo in cui questi piccoli esserini entrano nella tua vita è incredibile.

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace, anche il mio fidanzato due anni fa ha perso il suo tanto amato Cino, ha pianto molto poi alla fine ha deciso di fare un piccolo omaggio a Cino e ha portato a casa il piccolo Paco trovatello, credo che abbia fatto una bella cosa anche se non dimenticherà mai Cino dopo 18 anni insieme , ha voluto che il suo amore per gli animali non finisse lì e Paco ha riportato in casa tanti sorrisi e movimento portando e un po' di sollievo al dolore anche se come dice il mio fidanzato Cino è sempre il "senatur" e ci piange ancora quando vede le sue foto, ma poi arriva il piccolo Paco a riportare il sorriso con il suo musino da ribelle .
    Anch'io ho un gatto e ho perso una cagnolina lo so si sta male, lasciano davvero il vuoto, ma in memoria della loro allegria non dimentichiamoci chiudendoci in noi stessi che ci sono tanti animali in cerca d'affetto.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Hai ragione, i ricordi della mia micia mi fanno ancora sorridere e non basta la sua mancanza a farmi ricordare tutti i momenti belli vissuti grazie a lei.
      Benvenuta!

      Elimina
  12. La mia è mancata un mese fa. Sedici anni.
    Ricordo ancora il dolore che ho provato la mattina che ho capito che non c'era più nulla da fare tranne che portarla dal veterinario e porre fine alla sua agonia. Ho lottato con la ragione che si ribellava a un atto così meschino ma allo stesso tempo così necessario.
    Nell'attesa della mia decisione, Zafra si è spenta da sola.

    Ho un'altra micia di diciassette anni, bianca e nera coma Mina, e spero che viva il più a lungo possibile.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per Zafira, spero che non sia stato troppo doloroso.
      Grazie per l'abbraccio, che ricambio.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...