giovedì 18 dicembre 2014

Acheron Books e il made in Italy venduto in tutto il mondo

Per altre forme artistiche, è semplice varcare il confine, quasi immediato con gli strumenti del web. Un artista emergente può farsi conoscere tramite Deviantart e promuovere le sue opere in tutto il mondo, istantaneamente. Un musicista può condividere i suoi brani su Jamendo e sulla stessa piattaforma controllarne lo sfruttamento commerciale, senza perdere tempo con bollini e borderò. Questo perché musica e arte (illustrazione, grafica e quant'altro) sono linguaggi perlopiù universali, che è possibile veicolare su una miriade di canali, portali e social network. Per la letteratura, invece, esiste una barriera linguistica, che, intendiamoci, è tutt'altro che insuperabile, ma richiede uno sforzo, anche economico, maggiore. Perché un libro va tradotto.

Un tempo, il mercato dei foreign rights era unidirezionale; solo pochi autori italiani riuscivano a interessare gli editori stranieri, in particolar modo di area anglosassone. Oggi, si assiste a una serie di iniziative per abbattere questa barriera in un modo più o meno naturale, facilitando il passaggio dei nostri libri sugli scaffali di tutto il mondo. L'esempio più importante è il portale Books in Italy, dedicato alla promozione dell'editoria italiana, con un forte focus sui titoli di maggior successo commerciale e sugli editori più importanti. Ma non è questa l'iniziativa più interessante, quanto quella di tante piccole realtà che fanno del web, e del formato digitale, un mezzo privilegiato per lo sbarco nel mercato internazionale.


Parliamo di Acheron Books. Ne avevo sentito mezze notizie, fino a che non è stato lanciato il suo sito web. Acheron Books è uno dei molti editori nativi digitali nati in questi ultimi anni, con una missione precisa: sfruttare il formato eBook per diffondere in tutto il mondo libri prodotti in Italia. Acheron Books è un editore di genere, che si prefigge di pubblicare fantasy, fantascienza e horror direttamente in lingua inglese. I libri già pronti sono 6 e spaziano dall'horror radicato nel folclore nostrano al fantasy storico, valorizzando quindi le peculiarità della narrativa fantastica italiana. Allo stesso tempo, si tratta di narrativa moderna, più audace rispetto ai filoni che affollano le librerie, e pertanto più allettante per il pubblico internazionale, abituato a un'offerta meno asfittica.

Acheron Books nasce in questi giorni, con un sito web e 6 libri già pronti. Vi suggerisco di dare un'occhiata al catalogo. Fra gli autori cito Luca Tarenzi e Samuel Marolla, gran maestro dell'urban fantasy l'uno e veterano dell'horror radicato nel folclore lombardo il secondo, oltre al blogger e scrittore di ottima narrativa (e non narrativa) breve Davide Mana. La maggior parte dei titoli, forse uno solo non lo è, sono disponibili anche in italiano. Per chi volesse acquistarli direttamente dal sito è previsto fino a gennaio uno sconto del 30%.

Il nome Acheron richiama l'Acheronte, che separa il mondo dei vivi dall'Inferno dantesco. Sebbene non sia l'unica start-up a sfruttare le potenzialità del digitale, apprezzo la grinta con cui si inserisce in un mercato affollato, nella speranza che sia ricettivo agli autori italiani. Acheron è una casa editrice di nuova generazione, come molte fra quelle native digitali, e ritengo che sia più efficace rispetto alla vetrina generalista di Book in Italy. Allo stesso tempo, pur essendo piccola, parte con due autori già noti, uno dei quali ha partecipato ai ballottaggi preliminari del Bram Stoker award, ed è quindi già in grado di richiamare l'interesse.

In attesa di leggere qualcuno dei loro libri, auguro in bocca al lupo ad Acheron ricordando quanto diceva il vecchio Enea:

Flectere si nequeo Superos, Acheronta movebo
         (Se non posso smuovere gli Dei, sposterò l'Inferno.)

23 commenti:

  1. Per cominciare, in bocca al lupo per questo tuo nuovo blog!
    Un inizio in grande stile, tra l'altro.
    La traduzione di un testo narrativo è in realtà ben più di una traduzione letterale, quindi è un processo difficile e creativo.

    Ma dove c'è Luca Tarenzi tutto è possibile!

    RispondiElimina
  2. La traduzione è una bestia difficile. È per questo che è importante che se ne occupi chi ha esperienza nella traduzione letteraria, in particolar modo nel genere a cui appartiene il testo. Molti generi o sottogeneri hanno un linguaggio specifico che non sempre è di immediata traduzione. Esempio lampante sono i termini scientifici, ma non solo.

    Grazie per l'augurio, è un piacere ritrovarti qui. ^^

    RispondiElimina
  3. Bravo! Molto bello e in bocca al lupo :)

    RispondiElimina
  4. Niovo blog, eh? complimenti e vento sempre in poppa!

    RispondiElimina
  5. Hai proprio ragione, Romina :-D

    RispondiElimina
  6. Grazie Ed, è bello ritrovarti anche qui.

    RispondiElimina
  7. Grazie per l'augurio, quanto mai appropriato. Ogni tanto ci vuole, una nuova avventura.

    RispondiElimina
  8. Buon nuovo inizio! ^_^
    Progetto interessante e bello stile!

    Interessante questo primo articolo: curioserò con calma sul sito di Acheron Books *__*

    RispondiElimina
  9. Mi piace.
    Il titolo del blog, la grafica e il primo post.
    Dall'anno nuovo spero che si riempia :)

    RispondiElimina
  10. Auguri per l'impresa!

    Ti ho inserito in lista oggi stesso, così non mi perdo i nuovi post.

    RispondiElimina
  11. Secondo me merita, anche solo come esempio di buona imprenditoria.

    RispondiElimina
  12. Grazie, Ale. Anche tu non sei nuovo a traslochi. ;)

    RispondiElimina
  13. Già... e ogni volta peggioro la situazione! :)

    RispondiElimina
  14. Un caloroso in bocca al lupo per questa nuova avventura dell'argonauta!

    RispondiElimina
  15. […] http://ilpozzoelostraniero.it/2014/12/acheron-books-e-il-made-in-italy-venduto-in-tutto-il-mondo/ […]

    RispondiElimina
  16. Anch'io ti inserisco in lista. A presto!

    RispondiElimina
  17. Manco dalla blogosfera per un paio di giorni e scopro che hai aperto uno spazio nuovo! :D Mi piace! :D
    (Sì, dovrai sopportarmi anche qui :P)

    RispondiElimina
  18. segnalo una imprecisione, nell'articolo si legge "parte con due autori già noti, uno dei quali nominato per il Bram Stoker award, ed è quindi già in grado di richiamare l’interesse". Nessuno degli autori citati ha ricevuto una nomination al Bram Stoker Awards. Informazioni ufficiali su nominations e altro, riguardanti il Bram Stoker Awards sono consultabili sul sito ufficiale della Horror Writers Association: www.horror.org. Un saluto.

    RispondiElimina
  19. Ciao Alessandro, grazie per la precisazione. In effetti Samuel Marolla non ha superato il ballottaggio preliminare.
    Correggo subito.

    RispondiElimina
  20. […] storico Le colpe dei padri e il prossimo Eternal War, un fantasy storico in uscita per Acheron. Segnatevi il nome, perché tornerà a […]

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...