venerdì 24 febbraio 2012

I tre peggiori film fantasy

Lo spunto nasce dal post "Sceneggiature avariate" del blog di Lady Simmons, dove la padrona di casa criticava senza pietà tre recenti film fantasy. A me il fantasy piace, e proprio per questo certi film fanno soffrire anche me, perché oltre a non essere minimamente interessanti né divertenti, danno allo spettatore medio, che è prevenuto verso tutto ciò che è anche lontanamente fantastico, pretesti per scagliarsi contro il genere. Qualche volta hanno tutte le ragioni di questo mondo!
Vi propongo quindi un trittico di film che per qualche ragione sono riusciti male o semplicemente non avrebbero mai dovuto vedere la luce verde.


Conan

Una rivista storica.
Non si parla qui del capolavoro (IMHO) targato John Milius, Basil Poledouris e Schwartzy, ma del recente sforzo di Marcus Nispel, autore di remake di film horror ("Non aprite quella porta", "Venerdì 13") e del peggior film storico (?) mai girato: "Pathfinder", la storia di un vichingo allevato dagli Indiani d'America. Ora, non so se sia colpa sua o se gli passino cattive sceneggiature, ma mi sto accorgendo, scorrendo la filmografia, che i suoi film sono proprio brutti.

Ma  veniamo a Conan. Cos'ha di malvagio, questa nuova versione cinematografica? Essenzialmente, è un film vuoto. Senza un briciolo d'anima. Ogni singolo aspetto, dalla trama alle varie situazioni che si vengono a creare, sembra messo lì per caso. I personaggi non hanno alcuno spessore. Jason Momoa, che interpreta Conan, non ha la metà del carisma che un tale eroe dovrebbe avere, anche se c'è da dire che l'espressione cattiva gli riesce benissimo! Molto meglio in "A Game of Thrones", anche se lo ritengo uno degli attori meno espressivi attualmente in circolazione. E non si salvano neanche le scene d'azione, perché anche se Nispel cerca di ficcare qua e là sangue e mostri orribili, c'è un solo combattimento che potrei definire divertente. Ok, se vai a vedere Conan ti aspetti perlomeno di divertirti! No, a fronte di svariati milioni di dollari vi beccate un paio di mostri noiosi e il combattimento finale più deludente di sempre (anche se l'ambientazione è meritevole).
Insomma, una delusione, ancor più considerando che scrivere una storia su Conan, anche senza prendere direttamente dai racconti di Howard, dovrebbe essere facile. Un barbaro, una missione, qualche nemico, un mostro, ed è fatta. Però, che diamine, le cose vanno fatte bene!
Crom non perdona.


In the Name of the King

«Ieri sera ho visto il peggior film fantasy della storia.»
«Non credo. Il peggiore è quello con Jason Statham che corre in camicia per tutto il regno, ammazza mostri con un falcetto, uccide Ray Liotta e poi scopre di essere re.»
«Sì, quello.»
Ecco, appunto.

Questa discussione è veramente avvenuta tra me e un amico, per inciso un altro appassionato di fantasy e giocatore di D&D di lungo corso.
Tratto da un videogioco, questo film è unanimemente riconosciuto come peggior film fantasy della storia. Si salva forse proprio Ray Liotta, il mago malvagio, ma solo perché, come vedremo, c'è chi lo batte nella scala del pessimo. La storia è quella citata all'inizio, ma è veramente poco per descrivere quanto triste sia questo film. Lasciata da parte l'interpretazione di Statham, è semplicemente un film banale e di bassa fattura, che se non altro non ha le manie di grandezza del suddetto Conan.
Scopro con orrore che è in cantiere un sequel che uscirà quest'anno, e mi viene da chiedermi se il regista (Uwe Boll, noto per aver rovinato già altri film tratti da videogiochi) riuscirà a realizzare un prodotto peggiore di questo.


Dungeons & Dragons

Se avete tre minuti da perdere, cercate su youtube "Jeremy Irons Profion" oppure "Jeremy Irons worst acting ever", ve ne pentirete. La sua interpretazione in questo filmetto dal nome altisonante è orrida e indimenticabile. Immagino che questo filmetto, nonostante le intenzioni, sia  riuscito ad allontanare molti giovani da D&D (un famoso gioco di ruolo).
La storia è assurda, la recitazione sgradevole, gli effetti speciali involontariamente ridicoli. In un mondo dominato da una casta di maghi, il mago cattivo (l'equivalente dello scienziato pazzo fantasy) cerca di ottenere il controllo dei draghi per... apparentemente per farsi ammazzare da un ladro da due soldi in combutta con un altro ladro che ha la sola funzione di morire, una maghetta imbranata di cui si innamorerà, un'elfa fastidiosa e un nano alto due metri.

Ora, di questo è uscito un seguito, probabilmente mai doppiato in italiano, che invece non mi è dispiaciuto. In primo luogo perché non ha manie di grandezza ma è palesemente un film diretto al mercato home video; secondariamente, perché ci sono dei punti di contatto con il gioco a cui è ispirato che vadano oltre la citazione occasionale, o la strizzatina d'occhio. È un film di seconda categoria, ma tutto sommato ben realizzato.
Detto questo, speriamo che non ce ne sia un terzo!

21 commenti:

  1. Non ho visto nessuno di questi tre film e credo, viste le tue recensioni particolarmente "animate", che non lo farò neanche in futuro. Il tempo è troppo prezioso per perderlo guardando cose del genere e soprattutto con tutti i bellissimi film e i grandiosi libri che si possono vedere e leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'appunto, questi tre evitali. Più avanti consiglierò qualcosa di meritevole. ^^

      Elimina
  2. Il Conan di Nispel\Momoa forse è il peggior oltraggio che potessero fare alla memoria di Howard. Mi sarei aspettato qualcosa di più da Statham, questo sì, lui potrebbe fare di meglio e lo sappiamo ma Uwe Boll è il regista più "scult" di sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, e anche un bel tipo, a vedere come finanzia i suoi film!

      Elimina
  3. Grazie dell'onore!!!
    Il fantasy non è roba da tutti, o lo fai per bene, o non lo fai proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Convengo. La fantasia ha comunque bisogno di essere credibile, altrimenti uno si alza e chiede indietro i soldi del biglietto.

      Elimina
  4. Tutto vero, ma c'è chi mi fa saggiamente notare che c'è un certo Eragon con tanto di D'Amico doppiatrice di draghi che dovrebbe entrare prepotentemente nella top-3!
    E la Bussola d'Oro? Merita?
    Quanto male hanno fatto al fantasy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bussola d'Oro ha i suoi momenti degni, dai, non lo casso in toto. Eragon invece, hai ragione, è veramente pessimo. Ho un amico pronto a giurare che la trilogia meriti, ma dopo aver visto il film non ho molta voglia di tentare. E curiosamente c'è pure Jeremy Irons che stavolta fa il buono: «Meglio chiedere perdono, che chiedere il permesso.» O qualcosa del genere! ^^

      Elimina
  5. La Bussola d'Oro non è male, per essere l'unico film tratto da una trilogia di libri. A me la trilogia di Queste Oscure Materie è piaciuta moltissimo e il film non mi è dispiaciuto. Tutto sommato, funziona. Mi sarebbe piaciuto che il progetto fosse stato portato avanti, però. Così è monco.
    Se volete un parere sulla saga di Eragon (intendo i libri), il mio consiglio è: lasciate perdere! In fondo al primo libro ci si arriva abbastanza facilmente, se non altro perché l'idea del legame tra il ragazzo e il drago è sviluppata bene. Il secondo libro è una sofferenza. Il terzo l'ho aperto, letto le prime tre pagine...e riposto sullo scaffale. Il film fa pena. Non ci sono scusanti che tengano.
    Se vi piacciono i libri con ragazzi e draghi, allora forse fa più onore alla categoria il Mondo Emerso e La ragazza drago della Troisi, con la dovuta cautela, ovviamente.
    Hm. Questi tre film non li ho visti. Però tra i film tratti da videogiochi ne posso citare due o tre che mi hanno lasciato l'amaro in bocca: Super Mario, Mortal Kombat e Street Fighter. C'è solo una parola per descriverli: terrificanti.
    Nei film tratti dai fumetti, invece, I Super Quattro è quello che mi ha lasciata più indifferente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mortal Kombat ha dalla sua che visto a 11-13 anni può anche piacerti! In generale però sono titoli abbastanza deludenti... Soprattutto Super Mario, che risate!!!

      Elimina
    2. Io Super Mario l'ho visto che avevo cinque o sei anni...quindi a quei tempi mi era anche piaciuto. Riesumato dagli strati archeologici della nostra cineteca domestica, l'ho riguardato che ero più grande e l'ho trovato sì divertente, ma anche abbastanza kitsch...

      Elimina
    3. Eheh, kitsch è una definizione abbastanza adatta. La de-evoluzione sembrava carina, da piccoli! ^^

      Elimina
  6. gli altri due non li ho letti, ma concordo su Conan, è veramente pessimo :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm... volevo dire "non li ho visti" :-D

      Elimina
    2. Ecco, gli altri due non guardarli. Sono abbastanza noiosi, soprattutto se non ti piace il genere!

      Elimina
  7. Non ne conosco nemmeno uno. è grave?
    Il migliore in assoluto resta comunque AVATAR, e non accetto essere contrariata, non su Avatar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, questi tre puoi tranquillamente non averli visti. Avatar... è stata un'esperienza epocale, anche se bisogna dirlo sottovoce perché ogni tanto c'è un detrattore in agguato...

      Elimina
  8. Risposte
    1. Questa è una domandona! Sicuramente ci metto il Conan di John Milius, un po' ponderoso ma è invecchiato benissimo. Ladyhawke, una bellissima storia ambientata in quel medioevo oscuro e pieno di leggende. Un film un pochino più impegnato è Il labirinto del Fauno, di Guillermo del Toro. Scusa se mi fermo a tre, ma per una top 5 dovrei scrivere un post!

      Elimina
  9. Concordo sulla tripletta degli orrori, e concordo anche con l'apprezzamento su D&D 2. A questo punto voglio sapere cosa ne pensi su D&D 3, uscito nel frattempo... ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante auspicassi il contrario, adesso sono curioso di vedere cosa si sono inventati per il terzo! Se conserva lo spirito del secondo, può essere un film carino.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...